Spedizione gratuita da 49.90€
 Miglior prezzo garantito
 Reso facile
 Più spendi più risparmi
Benvenuto sul nostro negozio online!

Come scegliere gli scarponi da snowboard

Scarponi snowboard

L'attrezzatura di uno snowboarder non può prescindere dagli scarponi, i quali vanno scelti accuratamente per ottenere comfort, protezione dal freddo, sicurezza e prestazioni. Per scegliere il giusto paio di scarponi snowboard è necessario prendere in considerazione diversi fattori, quali:

Acquista online i migliori scarponi da snowboard

Sulla base di queste premesse si comprende bene come l'acquisto degli scarponi da snowboard non vada fatto a cuor leggero ma necessita di attente considerazioni, le quali consentiranno di trovare il modello giusto secondo l'esigenza specifica.

Scegliere gli scarponi in base al livello di esperienza

Al momento dell'acqusito sarà fondamentale tenere a mente il livello di esperienza raggiunto. Un principiante dovrebbe optare per un flex che sia in linea con l'indice di quello della tavola e degli attacchi snowboard, per avere una compatibilità complessiva ottimale del set da snowboard. Pertanto, gli scarponi snowboard per principianti dovrebbero, di regola, avere un grado di flex medio o morbido (di valore 3 o 4), coerentemente a quanto avviene per le tavole snowboard o gli attacchi. Un flex medio-morbido fornisce infatti una buona risposta, dando il giusto comfort e si adatta meglio a chi non ha ancora sviluppato un livello di guida avanzato e commette ancora molti errori.

Un flex medio invece, compreso fra 5 e 6, ben si presta a tutti gli scarponi per snowboarder di livello intermedio e per coloro che non hanno ancora definito il proprio stile di surfata. Sebbene questa non sia una regola fissa, prendere come punto di partenza il proprio skill rappresenta comunque un ottimo sistema per non compiere acquisti azzardati o errati.

Snowboard jumping

Il giusto flex per ogni stile di riding

Il grado di flex degli scarponi da snowboard può essere classificato in morbido, intermedio e rigido. È possibile in linea di massima associare il grado di flex oltre che al livello tecnico del rider ai differenti ambiti di utilizzo, secondo i seguenti abbinamenti:

  • Scarponi park e freestyle: flex ideale morbido / soft, per ottenere la massima sensibilità durante la pratica di stili fluidi. L'ammortizzazione è studiata per assorbire gli impatti a vantaggio delle articolazioni;
  • Scarponi all mountain: flex ideale intermedio. In questo caso il grado di flex si presenta abbastanza versatile, ovvero con un equilibrato rapporto fra sostegno e sensibilità;
  • Scarponi freeride e backcountry: flex ideale medio/rigido. Il rider potrà così beneficiare di una grande reattività e di una trasmissione dal piede alla tavola assai veloce. Mediante una struttura solida dello scafo e con l'ammortizzazione dell'intersuola si ottiene anche una adeguata protezione delle articolazioni;
  • Scarponi race e carving: flex ideale rigido.

Tabella riepilogativa delle categorie e indici di flex ideali in rapporto all'ambito di utilizzo

UtilizzoFlex ideale (categoria)Flex ideale (indice numerico)
Park / Freestyle morbido 2 - 5
All Mountain medio 5 - 7
Freeride / Backcountry medio - rigido 5 -10
Race / Carving rigido 7 - 10

Acquista online i migliori scarponi da snowboard

Com'è fatto uno scarpone da snowboard?

Prima di passare ai consigli per scegliere il modello e la misura giusta, analizziamo quali sono le principali parti che compongono uno scarpone da snowboard, le rispettive caratteristiche tecniche ed i materiali più diffusi impiegati nella realizzazione dalle aziende del settore.

Conoscere l'anatomia di uno scarpone per snowboard e le caratteristiche tecniche delle sue componenti è molto importante per scovare il modello adatto alle proprie esigenze. Ogni parte di uno scarpone da snowboard assolve infatti ad una specifica funzione.

Ecco le parti principali che caratterizzano un modello classico di scarpone da snowboard , tanto esternamente che internamente:

Componenti esterne di uno scarpone snowboard

Scarpone esterno:

  • outer boot, la copertura esterna fatta generalmente in plastica o pelle;
  • outer lacing, ovvero i lacci per la chiusura in materiale sintentico o cavetto in acciaio;
  • boot tongue, cioè la linguetta a sostegno della tibia;
  • grap loop che agevola l'inserimento dello scarpone ed è posto all'altezza del polpaccio nella parte posteriore.

Componenti interne di uno scarpone snowboard

Scarpone interno:

  • scarpetta, o liner, con funzione isolante e protettiva;
  • inner lacing o i lacci interni;
  • footbead, cioè la suola presente nella scarpetta, generalmente di tipo termoformabile;
  • sole, sono le suole poste nella base dello scarpone, per offrire aderenza e talvolta anche ammortizzazione grazie a speciali cuscinetti.

Acquista online i migliori scarponi da snowboard

Analizziamo ora in dettaglio la caratteristiche tecniche di alcune delle parti più importanti che compongono uno scarpone per snowboard.

Il sistema di chiusura

Il tipo di allacciatura / chiusura di uno stivale da snowboard ne rappresenta un elemento caratterizzante e riveste un'importanza fondamentale. I sistemi di chiusura hanno come fine ultimo quello di garantire la perfetta calzata, nonché l'aderenza fra il piede e lo scarpone, complici le opportune regolazioni.

Oggi i sistemi di chiusura possono essere distinti in: allacciatura classica o tradizionale, allacciatura BOA® e allacciatura rapida.

  • Negli scarponi con sistema di chiusura tradizionale, quello maggiormente diffuso, la chiusura avviene a mezzo di un laccio che avvolge lo scarpone secondo la personale necessità;
  • Negli scarponi con allacciatura BOA® (Boa® Lacing System) il laccio viene sostituito da un cavetto in acciaio, montato in prossimità della linguetta dello scarpone, regolabile attraverso delle rotelle. Il Boa® è un sistema molto facile e veloce che presenta il pregio di lasciare indipendenti la chiusura superiore ed inferiore dello scafo, in modo da poterne variare lo stringimento. Questo sistema è molto comodo specialmente in situazioni in cui non si vuole o non si può togliersi i guanti per allacciare gli scarponi;
  • Il sistema più innovativo è lo speed lacing (allacciatura rapida) o "Fast Track®" che allo stesso modo del Boa® consente di regolare in maniera indipendente la parte superiore da quella inferiore dello scafo ma stavolta utilizzando un doppio tirante, altamente rapido e sicuro, il quale impedisce che l'allacciatura si allenti in fase di guida. Si tratta di un sistema più leggero ed elastico del Boa® che si adatta bene a scarponi dalla struttura flessibile ed in modelli per freestyle e jibbing.

Scarpone con sistema di allacciatura classica
Scarpone con sistema di chiusura tradizionale  (o allacciatura classica)

 

Sistema di allacciatura BOA®
Scarpone con sistema di allacciatura BOA® (Boa® Lacing System)

 

Sistema di allacciatura BOA®
Scarpone con sistema di allacciatura rapida (Speed Lacing System)

La scarpetta

I boots da snowboard includono una scarpetta interna, o "liner", per garantire l'isolamento termico, un ottimo comfort e naturalmente la giusta calzata. La scarpetta interna presenta una particolare struttura ed un certo livello di rigidità che si ripercuotono sulla inflessibilità dello scarpone e sul supporto che esso fornisce in fase di riding. La scarpetta entra a diretto contatto con il piede e andrebbe valutata accuratamente. I liner posso presentare diversi accorgimenti sull'allacciatura e opportuni rinforzi. Particolarmente apprezzati sono gli scarponi con liner termoformabili, cioè adattabili alla forma del piede attraverso il calore e quelli che hanno suola ammortizzata che contribuisce al comfort durante i movimenti. Generalmente l'ammortizzazione impiega materiali sintetici e plastici, spesso anche flessibili, come schiuma EVA o poliuterano. Non mancano anche sistemi di ammortizzazioni realizzati con speciali strati di gel o particolari cuscinetti imbottiti. Più i boots offrono ammortizzazione e più proteggono le articolazioni.

Non di meno importante è la tenuta del tallone, ed in generale del piede, all'interno della scarpetta. Una tenuta ottimale permette di trasferire al meglio il movimento sulla tavola. Quanto al plantare, esso svolge una rilevante funzione di ammortizzazione e di supporto agli archi plantari e tutto ciò grazie ad un cuscinetto posizionato in corrispondenza del tallone. Un buon plantare dovrà offrire ampia protezione ai tre archi plantari, ovvero sulla zona mediale, laterale e trasversa.

La suola

Componente di grande importanza è la suola. Generalmente realizzate in gomma, le moderne suole vengono oramai alleggerite attraverso l'uso di speciali mescole in STI Evolution Foam, le quali determinano al contempo l'aderenza dello scarpone sulla neve e la dovuta ammortizzazione.

Esempio di suola Vibram di uno scarpone da backcountry

Esempio struttura interna di una suola di scarpone snowboard

L'importanza dei materiali

Voler risparmiare a tutti i costi per acquistare dei nuovi scarponi per snowboard espone al rischio di ritrovarsi con un prodotto scadente. Proprio per questo abbiamo selezionato per il nostro snowboard shop solo i migliori modelli. In una normale sessione ci si ritrova ad indossare gli scarponi snowboard per diverse ore e la comodità gioca un ruolo determinante. Questo vuol dire che il comfort richiede comunque un certo prezzo da pagare e dovrebbe prevalere sempre sull'estetica. A tal riguardo è sempre meglio preferire scarponi che implementano materiali di qualità.
Ogni marca propone materiali innovati e specifici. Deluxe, ad esempio realizza scarponi con in pelle termoformanti per la protezione contro l'umidità, Burton utlizza rivestimenti antibatterici Aegis contro sgradevoli odori, K2 sfrutta l'Endo Costruction con esoscheletro in euretano per ottimizzare reattività e il flex.

Nella scelta degli scarponi si è soliti distinguere fra scarponi con struttura hard e soft, ovvero fra due tipologie che impiegano materiali differenti.

  • Scarponi soft: sono realizzati da un guscio esterno, mentre l'interno presenta una fodera o scarpetta che può essere anche removibile e dotata di lacci. Generalmente questi scarponi presentano suola spessa e flessibile con tomaia rigida. I boots soft hanno il pregio di offrire grande comodità e sono molto indicati per freeride e freestyle, sia in park, powder o in pista;
  • Scarponi hard: sono studiati per chi ama l'alta velocità, per cerca la tenuta perfetta e la trasmissione ottimale dei movimenti sulla tavola. Hanno un guscio esterno che monta speciali fibbie per offrire comodità. Spesso sono dotati anche di apposito meccanismo di inclinazione regolabile e quindi garantiscono anche ampia personalizzazione in ordine alla calzata. Si fa presente che tali scarponi, al momento, restano compatibili con i soli attacchi alpine.

Del grado di flex e del suo un ruolo determinante per la scelta degli stivali in rapporto a livello tecnico e campo specifico di impiego abbiamo già trattato in maniera approfondita in uno dei paragrafi precedenti.

Acquista online i migliori scarponi da snowboard

Come scegliere la misura giusta degli scarponi da snowboard

Passiamo ora ad uno degli argomenti più importanti ed utili di questa guida: la scelta della misura. Quando si acquistano i nuovi scarponi, al momento di indossarli, bisogna avvertire subito una certa comodità, tenuto conto che non ci si trova comunque di fronte a delle comuni sneakers. Lo scarpone da snowboard adatto alla propria misura non dovrà fare male ma dovrà fasciare e tenere saldo il piede. Quando uno scarpone è ancora nuovo potrebbe dare qualche fastidio iniziale per via del flat che dovrà ancora prendere la forma del piede.

Vediamo per punti come procedere ed alcuni consigli.

Quando ci si appresta a scegliere la misura giusta occorrerà misurare la lunghezza del piede, tenendo conto non solo il profilo ma anche dell'arco plantare traverso ed eventuali disturbi in fase di appoggio.

Successivamente si procederà con l'indosso dello scarpone, stringendolo opportunamente secondo le proprie necessità. La taglia giusta potrà essere identificata se una vola in piedi l'alluce sfiorerà la scarpetta interna e stando piegati ciò non accade. La corretta stretta sul tallone si valuta esercitando una pressione sulle dita: lo scarpone non si dovrebbe muovere più di un centimetro.

Una buona regola è quella di tenere chiuso lo scarpone e provare a compiere alcuni passi, prima di dare un giudizio definitivo. Sarebbe preferibile non limitarsi a provare solo un paio di modelli ma spaziare anche fra una marca e l'altra, in quanto la calzata può sensibilmente variare.

Infine, misurare gli scarponi indossando delle calze tecniche, specifiche per snowboard, può aiutare ad identificare al meglio la misura corretta, oltre che assicurare la corretta protezione al piede quando li si andrà ad utilizzare.

Cliccando sul link seguente puoi visualizzare un'utile tabella di conversione taglie e misure per gli scarponi da snowboard nei diversi sistemi di numerazione utilizzati (europeo, Usa, UK e Mondopoint in centimetri) che ti renderà semplice individuare la misura giusta durante il tuo acquisto online.

Scegliere gli scarponi giusti per il tipo di attacco e per la tavola (compatibilità)

In ultmo, ma non in ordine di importanza, quando si scelgono gli scarponi sorge anche il problema di individuare i modelli compatibili con gli attacchi e conseguentemente con la tavola. Quando si dispone già di tavola e di attacchi sarebbe opportuno abbinare i nuovi scarponi allo stesso grado di flex dei primi. Altro buon punto di inzio è quello di verificare che la misura dello scarpone sia compatibile con quella dell'attacco.  In fase di indosso punta e tallone non dovranno sporgere dalla tavola ma restare sempre in prossimità delle lamine.

Alcuni modelli di scarponi da snowboard